Rilegatura o plastificazione, qual è la differenza?

Per i documenti importanti, si può optare per la plastificazione o la rilegatura. Il risultato finale è differente e dipende dalla destinazione d’uso. Vediamo quindi quali sono le differenze.

Plastificazione e rilegatura: definizioni

Attraverso la rilegatura, le pagine di un prodotto stampato vengono unite tra loro in modo da realizzare un documento composto da più fogli, come fosse un volume, un libro, un catalogo, una rivista, una tesi o una brochure. Esistono differenti tecniche di Rilegatura, adatte alla realizzazione di prodotti diversi a seconda delle esigenze. In ogni caso, ogni rilegatura può avere una protezione iniziale e una base che fa da fondo all’intera raccolta, per preservare al meglio i fogli. 

La plastificazione si serve di un film, applicato con delle macchine apposite, su un foglio di carta, che viene completamente coperto. Questa tecnica si usa molto per la cover di un catalogo o per la copertina di libro, anche stampato manualmente, per renderla più resistente. Si possono però anche plastificare biglietti da visita, volantini, annunci e molto altro. Diventa importante conoscere i vari tipi di plastificazione per utilizzare quello giusto per valorizzare uno stampato o una grafica.

Tipi di rilegatura 

Scegliere il tipo di Rilegatura più adatto è fondamentale. Vediamo quindi di capire quali sono le differenze tra una tecnica e l’altra. Vediamo i principali: Rilegatura a Punto metallico, Rilegatura a Spirale e Rilegatura a Brossura.  

La Rilegatura a Punto metallico

La Rilegatura a Punto metallico è la tecnica più veloce ed è anche quella che costa meno. Basta semplicemente scegliere due graffette metalliche per unire i singoli fogli stampati precedentemente a una copertina. Si tratta della scelta migliore per stampe con un numero ridotto di pagine, quali riviste, brochure, guide e cataloghi aziendali. 

La Brossura incollata

Conosciuta anche con il nome di Brossura fresata o Brossura grecata, si tratta della soluzione ideale per la realizzazione di contenuti più voluminosi, dove bisogna unire molte pagine insieme. Si usa infatti una colla speciale che serve a unire le singole pagine alla copertina e dura nel tempo per molto. 

La Rilegatura a Brossura viene però utilizzata soprattutto per i libri, perché resistente . Per le stampe amatoriali non è la più adatta. 

La Rilegatura a Spirale metallica 

Questo tipo di Rilegatura è quella che salta più all’occhio per la sua struttura. La Rilegatura a Spirale prevede la foratura di tutti i fogli stampati e il loro inserimento all’interno di una Spirale che li terrà uniti, in modo da sfogliare in comodità le pagine dell’elaborato. Questa tecnica di Rilegatura è molto pratica e veloce e la si utilizza molto per agende, calendari, tesi e cataloghi.  

Tipi di plastificazione

La plastificazione può essere eseguita sia su uno che su entrambi i lati del foglio di carta. Spesso infatti, è possibile farla solo sul lato esterno perché il lato interno è occupato, ad esempio dalla colla che mantiene insieme il libro alla copertina. Vediamo le differenze tra i vari tipi di plastificazione.

Plastificazione lucida

Si tratta della soluzione più economica, ed è perfetta per valorizzare immagini brillanti. Il film ha quindi una finitura lucida che permette di proteggere il foglio ed esalta i colori. Viene usata spesso per volantini, cartellette e depliant.

Plastificazione opaca

Si tratta di una soluzione di grande eleganza che attenua il riflesso della luce e inoltre consente di realizzare in secondo passaggio una verniciatura lucida per creare eventuali zone lucide.

Plastificazione opaca antigraffio

Questa invece è una plastifica simile a quella opaca ma permette di proteggere il foglio da graffi, segni e righe. Molto utile soprattutto quando si hanno dei fondi scuri dove un piccolo graffio risalterebbe molto.